Malattia cardiaca ischemica – sintomi – cause – trattamento – diagnosi

Malattia cardiaca ischemica - sintomi - cause - trattamento - diagnosi

La cardiopatia ischemica è una sindrome dei sintomi della malattia derivante da uno stato cronico di insufficiente apporto di sostanze nutritive e ossigeno alle cellule del miocardio. Nonostante l’uso di meccanismi di autoregolazione (la cosiddetta riserva coronarica), che aumentano il flusso attraverso il muscolo cardiaco, lo squilibrio tra la domanda e la possibilità del loro parto porta all’ipossia, cioè all’insufficienza coronarica.

La conseguenza di questo stato di cose è di solito l’angina pectoris o infarto del miocardio. Le cardiopatie ischemiche e tutti i suoi sottotipi sono la causa di morte più comune nella maggior parte dei paesi occidentali. Il più delle volte è causato da aterosclerosi dell’arteria coronarica.

I progressi nella ricerca sulle cardiopatie ischemiche hanno portato a controversie sul suo nome. Sintomi clinici, come dolore toracico e dispnea, chiamati angina (o angina pectoris, angina pectoris, angina pectoris, ankhone (soffocamento), pectus (petto)), ma a causa della sua fisiopatologia si chiama malattia coronarica (morbuscoronarius) o insufficienza coronarica (insufficientiacoronaria).

Quali sono le cause della cardiopatia ischemica e come funziona?

Quali sono le cause della cardiopatia ischemica e come funziona?

Le cardiopatie ischemiche possono manifestarsi in due forme – acuta e cronica. Per distinguerli da altri sintomi, sono state create ulteriori definizioni, come forma stabile, che corrisponde al concetto di cardiopatia ischemica cronica, e forma instabile, che corrisponde alle sindromi coronariche acute.

Nella forma instabile, sono state distinte le nozioni di infarto miocardico (o meglio infarto miocardico) e di infarto miocardico minaccioso, chiamato anche malattia coronarica instabile. Alla fine del XX secolo questa malattia ha cominciato ad essere qualificata come cardiopatia ischemica cronica e sindromi coronariche acute. Grazie a quest’ultima forma di malattia, sono state create nuove specialità mediche come la cardiologia invasiva e la cardiosurgery. Attualmente, il termine “malattia cardiaca ischemica” è comunemente usato. Questo nome indica il suo meccanismo, indipendentemente dalla sua causa.

Il carico sul muscolo cardiaco influenza direttamente la quantità di sangue necessaria per il suo corretto funzionamento. Se le contrazioni cardiache sono meno frequenti, il muscolo consuma meno ossigeno e sostanze nutritive, cosicché anche ad alta stenosi dell’arteria coronarica, a riposo di solito non c’è dolore. Tuttavia, quando il cuore lavora più velocemente (ad esempio quando è nervoso o durante l’attività fisica), ha bisogno di più ossigeno. Questo è anche il caso dell’aumento della pressione sanguigna, poiché il ventricolo sinistro è costretto a fare più lavoro per gettare sangue nell’aorta. Se l’arteria coronarica si restringe, non è possibile portare più sangue al cuore, con conseguente ischemia e dolore coronarico, i cosiddetti dolori stenocardici.

Le cardiopatie ischemiche sono la causa di morte più comune nel nostro paese.

Le cardiopatie ischemiche sono la causa di morte più comune nel nostro paese.

La causa più comune di stenosi nelle arterie coronariche sono le placche aterosclerotiche di colesterolo depositate nella parete del vaso. Quanto più fattori di rischio di malattia coronarica di una persona, tanto più facile da creare. Le persone più esposte al rischio di sviluppare placche aterosclerotiche sono persone obese, fumatori, persone che conducono uno stile di vita sedentario, con pressione alta, diabete, o una maggiore concentrazione di “colesterolo cattivo”.

La placca aterosclerotica, oltre a restringere il vaso, può anche stimolare la piastrina (soprattutto quando si rompe), provocando la formazione di un trombo nel lume dell’arteria coronaria. Se le piastrine sono molto eccitate, un tale coagulo può causare la chiusura completa del vaso, con conseguente infarto.

In Polonia, ben un milione di persone soffrono di malattie coronariche. Ogni anno 100.000 polacchi muoiono di infarto. La cardiopatia ischemica è la causa di morte più comune in Polonia. Gli uomini sopra i 40 anni e le donne dopo la menopausa sono tra i più a rischio. Purtroppo, le cardiopatie coronariche sono sempre più diffuse tra i giovani, soprattutto nel caso di comorbilità come l’ipertensione arteriosa, l’ipercolesterolemia o la predisposizione familiare. Molto spesso, la malattia coronarica si verifica senza sintomi e il suo primo sintomo può essere un infarto del miocardio o una morte cardiaca improvvisa.

In Polonia, ben un milione di persone soffrono di malattie coronariche. Ogni anno 100.000 polacchi muoiono di infarto. La cardiopatia ischemica è la causa di morte più comune in Polonia. Gli uomini sopra i 40 anni e le donne dopo la menopausa sono tra i più a rischio.

Il progetto di ricerca POL-MONICA, parte del progetto MONICA dell’OMS, ha dimostrato una stretta correlazione tra lo sviluppo della cardiopatia ischemica e la presenza di fattori di rischio. Questi studi sono stati condotti su grandi popolazioni e hanno mostrato un costante aumento dell’incidenza della malattia in Polonia. L’incidenza della malattia è in media di 620 casi per 100.000 uomini e 220 casi per 100.000 donne.

Nelle zone rurali, l’incidenza delle cardiopatie ischemiche è inferiore a quella delle grandi città. L’incidenza dell’angina in entrambi i sessi aumenta rapidamente con l’età: dallo 0,1-1% nelle donne di 45-54 anni al 10-15% nelle donne di 65-74 anni e dal 2-5% negli uomini di 45-54 anni al 10-20% negli uomini di 65-74 anni. In Polonia c’è anche un aumento della morbilità tra i ventenni, i trentenni e le donne.

Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *