Ipertiroidismo – sintomi – cause – trattamento – diagnosi

Ipertiroidismo - sintomi - cause - trattamento - diagnosi

L’ipertiroidismo, o ipertiroidismo (ipertiroidismo latino o ipertiroidismo) è definito come una malattia derivante dall’eccessiva produzione di ormoni tiroidei. A volte questa malattia è il risultato di un trattamento con quantità eccessive di ormoni tiroidei, disturbi metabolici o attività correlate ai recettori tiroidei.

La tiroide è l’organo responsabile di parte dell’equilibrio ormonale del corpo, e le malattie ad essa associate sono tra le malattie più comuni del sistema ormonale. Gli ormoni tiroidei sono responsabili del controllo e del controllo del sistema energetico dell’organismo. Così, influenzano il sistema nervoso, il cervello, il cuore, il metabolismo dei carboidrati e anche la funzione cardiaca. L’influenza sul metabolismo può portare ad un aumento del colesterolo, al deterioramento dello stato osseo e persino all’osteoporosi in caso di insufficienza della tiroide. La tiroide colpisce tutti gli organi. Molti sintomi difficili da definire di un organismo malfunzionante possono essere la base per una visita da un endocrinologo.

Il ruolo della ghiandola tiroidea è quello di rilasciare ormoni che agiscono su tutti i tessuti, partecipano al metabolismo e ad altri processi vitali del corpo. Un componente chiave per il corretto funzionamento di questi processi è una dose adeguata di iodio. Sia la sua carenza che l’eccesso possono portare ad una disfunzione del corretto funzionamento della ghiandola tiroidea. Le conseguenze della sua carenza sono purtroppo molto frequenti, e lo sono, come l’allargamento della ghiandola tiroidea e dei noduli al suo interno. La malattia può manifestarsi a qualsiasi età. A causa del sistema ormonale più complicato, le malattie della tiroide sono circa 6-7 volte più comuni nelle donne.

Esistono varie forme di ipertiroidismo

Esistono varie forme di ipertiroidismo

Può accadere che l’ipertiroidismo non sia percepito dal paziente, ma può anche portare ad un’improvvisa perdita di vite umane. Può assumere una forma caratteristica e facilmente riconoscibile, ma anche latente, che alla prima diagnosi può indicare un’entità patologica completamente diversa dall’ipertiroidismo. I sintomi dell’ipertiroidismo da soli possono essere caratterizzati da una sensazione costante di calore, tremori delle mani, frequenza cardiaca aritmica e una varietà di anomalie correlate che si verificano in modi diversi in ogni persona.

La divisione delle malattie tiroidee dipende dal processo di precedenti cambiamenti nella ghiandola stessa. Quando questo processo si sviluppa per la prima volta nell’organo stesso, si chiama primario, e quando l’iperattività colpisce altri organi, si chiama secondario. Inoltre, ci sono sintomi di aborto spontaneo della ghiandola tiroidea, in cui è presente solo una parte dei sintomi di una ghiandola malfunzionante.

L’ipertiroidismo della tiroide non è sempre lo stesso in tutti i casi.

L'ipertiroidismo della tiroide non è sempre lo stesso in tutti i casi.

Il decorso dell’ipertiroidismo dipende dall’età del paziente, dalla forma della malattia, dalla sua durata e da altre malattie correlate. Le persone anziane con ipertiroidismo mostrano debolezza generale e apatia. I casi più gravi che coinvolgono i pazienti sono associati alla malattia di Graves durante il periodo di tempesta tiroidea. La ghiandola tiroidea non trattata è una delle complicazioni più gravi dell’ipertiroidismo. Un improvviso aumento degli ormoni tiroidei colpisce gli ormoni dello stress, compreso il cortisolo. Questo processo porta all’incoscienza, all’insufficienza cardiaca e ai battiti di calore. Una tale scoperta si sviluppa durante un’infezione o una malattia acuta, come un attacco cardiaco o un ictus. Può anche essere causato da un intervento chirurgico o da un parto.

Un esempio di ipertiroidismo primario è la malattia di Graves-Basedow associata all’intensità dell’attività ormonale della ghiandola. Ciò è dovuto all’eccessiva produzione di anticorpi che stimolano la tiroide a produrre ormoni.

Quasi il due per cento della popolazione è affetto da malattie legate all’ipertiroidismo. Purtroppo, nonostante l’alto livello di consapevolezza, i segni della malattia sono spesso ignorati. Questo approccio è comune sia tra i medici che tra i pazienti, che nella maggior parte dei casi si abituano all’inconveniente e cercano di conviverci. Non curare la malattia può solo portare a conseguenze peggiori che possono essere evitate. Se si è a conoscenza di una condizione come l’ipertiroidismo, si dovrebbe prestare molta più attenzione al controllo di questa ghiandola.

Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *